Vai a sottomenu e altri contenuti

APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI DELL’ASSEMBLEA SU: 1) PIANO DEL PARCO; 2) PIANO DI GESTIONE ZSC E PIANO DI GESTIONE ZPS; 3) PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO DEI LAVORI DELL’APQ

Data: 10/11/2022

Ieri 9 novembre 2022, l'Assemblea del Parco, costituita dallo scrivente Stefano Secci, dal Sindaco di Cagliari rappresentato dal vice Sindaco Giorgio Angius, dal Sindaco di Quartu Sant'Elena rappresentato dal vice Sindaco Tore Sanna, dal Sindaco di Quartucciu Pietro Pisu, dal Sindaco di Selargius Gigi Concu e dal vice Sindaco della Città Metropolitana di Cagliari Roberto Mura, ha approvato all'unanimità le 3 deliberazioni in questione. Questa approvazione, che segue ad anni di intensissimo lavoro, rappresenta un momento fondamentale per la vita del nostro Parco e, meglio ancora, stabilisce nell'analisi del complesso di queste approvazioni un fondamentale passo avanti per il potenziamento della tutela e, finalmente, per l'inizio del percorso di piena valorizzazione del Parco che le comunità delle Città menzionate, partecipano, controllano e curano.

Sono questi degli atti complessi, delle volte anche assai difficili da comprendere anche per noi amministratori e non solo per i cittadini, che si traducono però in fatti importanti per il potenziamento della tutela dell'ecosistema del nostro amatissimo Parco. Non solo, queste iniziative aprono diverse porte a iniziative legate alla migliore possibile, speriamo, azione di valorizzazione delle caratteristiche e dei servizi, che sono numerosi, che il nostro Parco può offrire.

Sotto l'aspetto puramente pratico, che è ciò che interessa di più a chi ci abita e a chi frequenta il Parco, quindi a tantissimi di noi, l'azione di queste iniziative definisce in linee chiare un sistema di programmazione sicuro e, come scritto, chiaro, dedicato al rispetto e alla fruibilità.

Sono state aggiornate le misure di tutela della gestione delle aree protette dalla Rete europea Natura 2000, la ZPS e la ZSC; addirittura per la ZPS si tratta del primo piano di gestione. L'influenza di questi piani è solo positiva, sia verso le comunità delle vicine città, che ospitano nel loro insieme tra residenti, lavoratori, studenti e turisti, circa 350.000 persone, sia, come è giusto, a tutela degli habitat (ZSC) e delle specie animali (ZPS). Era un aspetto dovuto al Legislatore Europeo in primis e come tale vi abbiamo pienamente adempiuto, ascoltando prioritariamente le esigenze ambientali, ma anche le istanze delle Comunità.

L'adozione del Piano del Parco, rappresenta a sua volta, la volontà dell'Ente di dotarsi, fra i pochi in Sardegna e tra i non molti parchi in Italia, di quello strumento obbligatorio di pianificazione ambientale, a cui seguirà a cascata il regolamento del Parco. Con questo Piano sono finalmente definite in modo chiaro sia le aree di massima tutela che quelle a tutela decrescente ma, fatto secondo noi nuovo, apre le porte a un sistema di gestione ragionata e moderna, volta anche, nelle cosiddette zone C, allo sviluppo di attività economiche e coerenti con il Parco stesso.

Infine il progetto dei lavori di APQ (Accordo di Programma Quadro), ovvero il ''Progetto di tutela ambientale dell'area del Bellarosa maggiore, delle vasche del retrolitorale e della piana di is arenas'' che vale 14,5 milioni di euro complessivi, prevede lavori che dureranno circa 3 anni (per essere più precisi 270 giorni), rappresenta esso stesso la rinascita materiale del nostro Parco. Vengono ripristinati, come erano tradizionalmente presenti nel passato, i sistemi dedicati alla gestione e alla circolazione delle acque salate. Il nostro progetto in questa fase ne cura l'avvio e il pieno funzionamento esclusivamente sotto il profilo della tutela ambientale. E' altamente auspicabile che in un prossimo futuro tale sistema, si possa far riprendere la produzione del sale, in modo ragionato e sostenibile, naturalmente senza alcun riflesso negativo sugli habitat salini sede di nidificazione di molte specie avicole di interesse comunitario e conservazionistico. I lavori prevedono inoltre la costruzione, sulla parte della piana di Is Arenas, di nuovi corridoi ambientali, di connessione tra le numerose aree verdi, esistenti e nuove oggetto di questi lavori, migliorando complessivamente le caratteristiche naturali e tradizionali della piana, con uno sguardo rivolto al recupero degli antichi saperi agricoli di questo territorio. L'APQ assicurerà tra l'altro la realizzazione di un nuovo impianto fotovoltaico, senza alcun consumo di suolo, della capacità di 250 kwp, in grado di assicurare con una complessa infrastrutturazione elettrica, l'energia necessaria per le forze motrici dei tre gruppi di idrovore (Poetto, Rollone e Palamontis).

Voglio infine ringraziare, il Direttore e lo staff del Parco che ha lavorato tanto su tutte queste iniziative e lavora con passione, competenza e caparbietà da tanti anni e che ancora assicurerà i migliori risultati a tutela dell'ambiente e a vantaggio dei numerosissimi frequentatori e di coloro che nel parco vi risiedono.

Un abbraccio virtuale a tutti coloro che amano il Parco

Il Presidente

Stefano Secci

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Presidente
Referente: Stefano Secci
Indirizzo: Edificio Sali Scelti Via la Palma s/n - 09126 Cagliari
Telefono: 070379191  
Fax: 07037919300  
Email:
Email certificata:
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto